Mohamed Abd el Wahab

  • Stampa
Mohamed Abd el Wahab

Mohammed ‹Abd el Wahab è nato nel 1902 al Cairo, in Egitto, in un quartiere chiamato Bab El-​Sheriyah, dove ora c’è una sua statua. Ha iniziato la sua carriera di cantante in giovane età e le sue prime esibizioni pubbliche all’età di sette anni in produzioni locali. Aveva 13 anni quando ha fatto la sua prima registrazione.

Nel 1933 ‹Abd el Wahab ha iniziato a comporre il suo stile “musical arabo” dopo aver visitato Parigi e familiarizzato con film musicali francesi.

Ha introdotto il genere leggero di film musicale nella cultura araba componendo otto commedie musicali tra il 1933 e il 1949. Nei suoi film ritrae l’élite sociale occidentale, con l’impronta caratteristica della colonna sonora che espresse sonorità arabe fuori dalla tradizionale melodia.

Ha recitato nel suo film 1934 “Il Fiore bianco” che ha battuto diversi record di presenze e che viene spesso ancora proiettato nelle sale egiziane.

Nel 1950 ‹Abd el Wahab lasciò il cinema per concentrarsi seriamente sulla musica e la composizione.

Abd el Wahab compose più di 1820 canzoni ed è considerato uno dei musicisti egiziani più innovativi di tutti i tempi, ponendo le basi per una nuova era di musica egiziana con il suo uso di ritmi non arabi e il raffinato modo di suonare l’oud.

Nonostante il fatto che abbia composto molte canzoni e brani musicali di musica araba classica ‹Abd el Wahab, è stato all’epoca molto criticato per il suo orientamento verso la musica occidentale. In realtà, ha introdotto i ritmi occidentali a canzoni arabi in modo appropriato per le forme conosciute di canzoni arabe. Ad esempio, nel 1941, ha introdotto un ritmo di valzer nella sua canzone «Al Gondol,» e, nel 1957, ha introdotto un rock and roll il ritmo nella canzone di Abdel Halim Hafez «Ya Ya Albi Khali».

Abd el Wahab collaborò con molti musicisti e cantanti. Scrisse dieci canzoni per Umm Kulthum e molte per il suo amico Abdel Halim Afez.

Abd el Wahab è stato fondamentale nella creazione di una nuova era di musica egiziana nella sua patria e in tutto il mondo arabo. Ha anche lasciato un segno nel mondo occidentale esponendo musica egiziana di tradizioni classiche e popolari occidentali.

( fonte: wikipedia)